Delitto in pandemia, il nuovo libro di Angela Chiazza e Cristina Sbacchi

Di Mimma Lo Martire

Si chiama “Delitto in pandemia” il nuovo libro di Angela Chiazza e Cristina Sbacchi.

Un titolo dal quale appare subito chiaro che si tratta di un giallo.

Ma non è il solito racconto poliziesco che uno si aspetta, con al centro il bravo detective che alla fine risolve il mistero e nel quale le vittime sono spesso solo protagoniste secondarie.

Qui la vittima è, invece, la figura centrale e quasi assoluta fin dalle prime pagine e tale resterà sino alla fine, attorno alla quale poi ruotano tutte le altre.

Ambientato in una Palermo quasi antica, anche con l’uso frequente del dialetto alla Camilleri e, nel periodo delle restrizioni a causa del Covid, è particolare sia nell’uso della lingua che nel dipanarsi dei vari personaggi.

Il maresciallo Pisacane, che indaga sull’omicidio della trans Lola, è una persona normale, con i suoi tic e le sue abitudini. Tranquillo ma risoluto, arriverà (?) a risolvere il mistero dello strano omicidio di una persona che in Via Celso, nonostante la sua “differenza” , era amata e benvoluta da tutti gli abitanti della strada. A parte qualche rara eccezione…

Cosa che renderà ancora più difficile comprendere le motivazioni di questo delitto dai risvolti parecchio strani, a cominciare dal ritrovamento del cadavere vestito con un antico abito da sposa ed i capelli ornati da margherite e tulipani. Che vorrà significare?

Fra gli interrogatori dei vicini di casa, personaggi talvolta grotteschi e i clienti della vittima, l’appuntato Celesia e il Maresciallo Pisacane avranno il loro bel daffare per riuscire a venirne a capo (o forse no?) e scoprire cosa si nasconde dietro questo caso. A voi, invece, non resta che leggere tutto sino alla fine!

Il libro è disponibile al costo di 15 euro, in diverse librerie di Palermo, da Zacco, Easy rider, Voglia di leggere, Edicola in Via Libertà, La Vardera, Edicola Catania e Nuova Europa.

Lascia un commento